La rete solidale del progetto “Perché no?” a sostegno di giovani in condizioni di svantaggio

La Formazione come strumento per lo sviluppo di persone e aziende

La creazione di una rete solidale è uno dei pilastri del progetto “Perché No?”, finanziato da Fondo di Beneficienza Intesa San Paolo e da Fondazione con il Sud, al fine di garantire non solo la buona riuscita di un percorso di inserimento sociale, ma anche la creazione di legami duraturi e il confronto con modelli virtuosi e positivi.
Da questo presupposto inizia la ricerca di famiglie e persone volontarie, che entreranno a far parte della rete solidale del progetto a sostegno dei 50 giovani protagonisti.

Il tutoraggio educativo rappresenta un’opportunità concreta di sostegno per soggetti in difficoltà e mira a migliorarne le potenzialità e a supportarli nel percorso di crescita. Una rete di legami e relazioni solidali è indispensabile per il buon inserimento della persona nella società, ma spesso i giovani in condizione di disagio ne sono sprovvisti. Lo scopo è, quindi, quello di instaurare relazioni di scambio e d’aiuto profonde protratte nel tempo tra la rete solidale e e i giovani coinvolti.

Invitiamo persone e famiglie disposte a mettersi in gioco nell’instaurare una relazione con un ragazzo o una ragazza di età compresa tra i 16 e i 29 anni, a manifestare il proprio interesse.
Il percorso della rete solidale inizierà con una serie di incontri di formazione e scambio di esperienze sotto la guida di professionisti del settore. Il percorso formativo fornirà utili strumenti per affrontare la delicata azione di sostegno ai giovani beneficiari del progetto.
Il tutoraggio educativo delle famiglie selezionate si concretizzerà in un programma di appuntamenti, con visite in famiglia, gite in esterno, partecipazione congiunta ad eventi in città ecc.
I tutoraggi da parte delle rete solidale saranno supervisionati da una equipe di esperti per garantirne lo sviluppo felice e positivo.

Le persone e le famiglie interessate ad intraprendere questo percorso possono manifestare il proprio interesse inviando una mail all’indirizzo: progettopercheno@asterisco.sicilia.it

 

previous arrow
next arrow
Slider

 

 

 

Per maggiori informazioni consultate le FAQ di seguito.

COSA FA UN TUTOR DELLA RETE SOLIDALE?
Il tutor rappresenta un punto di riferimento e un sostegno per il giovane beneficiario del progetto “Perché No?”. Il giovane assegnato al tutor intraprenderà un percorso formativo e di inserimento lavorativo, sarà quindi fondamentale il supporto e l’incoraggiamento del tutor durante l’intero percorso.
COME FACCIO A CANDIDARMI?
E’ semplicissimo! Basta mandare una mail all’indirizzo progettopercheno@asterisco.sicilia.it, manifestando il proprio interesse e lasciando un recapito telefonico. Sarai ricontattato dallo staff di progetto per un colloquio conoscitivo.
QUALI ATTIVITà SVOLGE IL TUTOR?
Principalmente il tutor e la sua famiglia si occuperanno dell’affiancamento dei ragazzi partecipanti che si concretizzerà in un programma di appuntamenti a cadenza periodica durante l’arco del progetto. Oltre al tutoraggio sono previste visite in famiglia, gite, giri in città, partecipazione ad eventi per rafforzare il legame con i ragazzi partecipanti.
È PREVISTA UNA FORMAZIONE PER LA RETE SOLIDALE?
Una volta selezionate le persone e famiglie tutor, parteciperanno ad un’azione di formazione della durata di 30 ore, per ricevere strumenti utili per affrontare la delicata azione di sostegno ai destinatari.
COME AVVIENE IL MATCHING TRA TUTOR E RAGAZZO?
Le persone e famiglie tutor parteciperanno ad un colloquio per valutare l’interesse e le motivazioni che hanno spinto alla candidatura. In base alle loro caratteristiche e disponibilità verranno assegnate ad un/una ragazzo/a partecipante al progetto o ad un nucleo familiare in condizione di svantaggio.
CHE TIPO DI SUPPORTO RICEVERà LA RETE SOLIDALE DURANTE L’ESPERIENZA?
Riceveranno il supporto di operatori specializzati del progetto, che faciliteranno nella relazione con il ragazzo assegnato durante tutto il percorso di tutoraggio. La partecipazione delle famiglie è su base volontaristica, quindi non è previsto un supporto economico per la partecipazione.
COSA SUCCEDE SE IL PERCORSO CON IL RAGAZZO ASSEGNATO NON FUNZIONA?
Nel caso in cui la relazione con il ragazzo o la ragazza assegnato/a non dovesse funzionare, sarà comunque possibile rimanere a far parte della rete solidale a supporto del progetto e al ragazzo verrà assegnata un’altra famiglia tutor.
QUANTO DURA IL PROGETTO?
La durata complessiva è di 24 mesi, la nostra speranza è che il progetto dia occasione per creare legami solidi che possano proseguire nel tempo.